lunedì 14 maggio 2012

Il Mito dell'Italia nasce dal Ricordo

Quanti nei secoli del Rinascimento giunsero in Italia, per conquistarla o per conoscerla, scrive Cesare de Seta, rientrando in patria contribuirono a costruire e a diffondere il mito dell’Italia parlando con i loro figli e le loro spose, con gli amici, con i dignitari ed i compagni d’arme. Raccontarono loro quello che avevano visto e avevano scoperto e “a loro si deve la nascita del mito dell’Italia nell’Europa dell’evo moderno”. E le cose, potremmo aggiungere, non sono cambiate troppo da allora. 
Che l’impatto dei grandi viaggiatori del passato giunti in Italia e dei loro diari in Europa siano ancora alla base del vantaggio competitivo dell’offerta culturale italiana è confermato anche da diverse indagini, ma le considerazioni di Cesare de Seta che legano il successo dell’Italia come mito e come destinazione al passaparola, al racconto e al ricordo, appartengono all’esperienza di tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog