domenica 16 settembre 2012

Il Paese leader nell'accoglienza è l'Italia (nonostante tutto)



"Mais pourquoi les touristes chinois repartent-ils en détestant la France?" E' il titolo di un articolo (uscito in Francia il 14 giugno 2012) che dice parecchie cose sullo specifico dell’accoglienza in Francia. Sottolineo: la Francia, il paese "ufficialmente" primo al mondo quanto ad arrivi turistici.
L’articolo prende avvio da una ricerca che rivela che solo il 39% dei turisti cinesi che ha visitato la Francia è rimasto soddisfatto del soggiorno.
“I turisti, in particolare i Cinesi, sono sempre più delusi dei loro soggiorni in Francia. A cosa si deve tutto questo? Risponde Sarah Douag, giornalista esperta di turismo, che delinea la situazione dell’accoglienza in Francia parlando degli alberghi. “La Francia non è mai stata leader nell’hôtellerie (!), nel servizio e nell’accoglienza. Ci sono parecchie grosse pecche su questi tre aspetti. Notoriamente a Parigi i prezzi degli alberghi sono cari, il sistema di classificazione in uso non è adatto ai turisti, che non giudicano gli alberghi con gli stessi nostri criteri. Se pensiamo allo shopping, a Berlino e a Londra è più interessante che a Parigi dove tra l’altro gli orari dei negozi non sono adeguati per chi viene per turismo. Anche se va detto che i grandi magazzini si sono adeguati agli ospiti stranieri (Cinesi in particolare) con personale che parla cinese e con zone riservate. E poi va detto che i Francesi non sono simpatici. Le lingue estere si parlano male, il caffè arriva dopo 15 minuti di attesa, freddo, e si aspettano la mancia! Non sarà un caso se la Francia è la prima quanto a numero di turisti e la quarta per entrate economiche".

Commento: dunque, coraggio!

Stralcio dell’intervista raccolta da Valérie Mere
http://www.atlantico.fr/decryptage/france-tourisme-chinois-indien-paris-baisse-recul-accueil-sarah-douag-389166.html

Immagine: courtesy Menufreak Houston

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog