giovedì 4 aprile 2013

La presunzione del prodotto. Peccato originale della cultura



Non tutte le proposte e non tutti i "prodotti" possono essere promossi con successo; e non tutti i prodotti vanno bene così come sono.
Sarà forse elementare per chi si occupa di marketing, ma è ancora questo il peccato originale di molti tra quanti si occupano di beni culturali o di valorizzazione dei beni ambientali, senza l'umiltà necessaria di capire contemporaneamente anche il punto di vista della domanda.
Eppure anche il buon senso o l'esperienza mostrano chiaramente che alcuni beni (alcuni!) possono essere valorizzati solo in seconda battuta, e conviene, inizialmente puntare su altri beni in grado di fungere da Attrattori.
Sempre il buon senso mostra che vi sono beni che non sono semplici da valorizzare, e richiedono un percorso di 'educazione' più impegnativo per riuscire a farne capire il valore; altri ancora vanno riletti e confezionati in modo speciale per rimarcarne l'appeal, e per molti altri ancora la precondizione è che si possa contare su una buona organizzazione o una gestione particolare, perché avvenga la loro trasformazione da risorse, quali sono a tutti gli effetti, a "prodotti" veicolabili.
Insomma resta sempre valida la regola aurea del marketing che pone al centro la domanda.
Poi, per fortuna, oggi ICT e web 2.0 sono alleati straordinari nella valorizzazione, nella divulgazione e nel coinvolgimento attivo delle persone ai temi della cultura, e molto si può fare, a volte anche con poco (su questo tema consiglio la lettura del saggio di Elisa Bonacini: Il Museo partecipativo:
http://www.unimc.it/riviste/index.php/cap-cult/article/view/201/396 )

Ma il successo dipenderà da quanto sapremo essere in sintonia con la domanda, e in sostanza dalla nostra capacità di saper trovare un punto di equilibrio tra conservazione/valorizzazione dei beni e esigenze della domanda, dimostrando così rispetto per la cultura e rispetto per le persone.

P.S. Se vi interessano le Invasioni Digitali, guardate qui:
http://www.invasionidigitali.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog