martedì 16 aprile 2013

Si può davvero stare nel turismo senza Passione? (2)



Riprendo il tema della passione.
Senza passione non si può fare accoglienza, non si può accogliere, si può tutt’al più ospitare, fornire alloggio, qualcosa di ben diverso da "accogliere" e creare un’atmosfera accogliente.
Senza passione non si può fare il marketing mimetico: non si può vedere attraverso gli occhi delle persone alle quali ci rivolgiamo, capire il loro mondo, le loro motivazioni, comprendere i loro riti comportamentali, e - di conseguenza - le modalità migliori per comunicare con loro sul web e organizzare le proposte di soggiorno, o di visita o di accoglienza.
Senza passione non si può creare una rete tra gli operatori, perché non si riesce a contagiare gli altri, a dare agli altri l’entusiasmo che tutti devono avere per capire che possono cominciare a collaborare, anche se sono concorrenti.
Senza passione nessuno può "vendere" il territorio. Ecco perché in Italia tanti territori meravigliosi sono così poco frequentati, nonostante campagne pubblicitarie principesche.
Per tutti questi motivi la passione è la precondizione per un approccio caldo e relazionale al marketing, un approccio italiano.

Il primo dei due post dedicati alla Passione è di pochi giorni fa e lo trovate qui:
http://accoglienzaturistica.blogspot.it/2013/04/si-puo-stare-nel-turismo-senza-passione.html



3 commenti:

  1. è proprio così.....la passione deve essere il motore........
    mi piace che possa essere considerato un tipo di approccio italiano..il che vuol dire che è nel nostro Dna, nella nostra cultura..ed allora perchè chi si è occupato di turismo ......."ha fatto l'Indiano?"....
    la passione deve aiutarci anche nei momenti difficili come questi che stiamo vivendo...

    RispondiElimina
  2. sono assolutamente d'accordo con voi!
    Si può lavorare nel turismo anche con poca o addirittura senza passione, ma la differenza poi si vede, eccome che si vede!!! :-)

    Antonella

    RispondiElimina
  3. Passione per il turismo, Amore per il proprio territorio, voglia di condivisione, servizio al prossimo = ospitalità romagnola. Albergatori a Cattolica dal 1921. :-)

    RispondiElimina

Archivio blog