lunedì 8 aprile 2013

Si può stare nel turismo senza Passione ? (1)



Oggi vi propongo una breve riflessione su un tema che ritengo fondamentale se si vuole dare vita ad un approccio italiano al marketing (quali sono ad esempio il mktg mimetico, il mktg del ricordo, e il mktg dell’accoglienza).
Il tema è la passione.
Senza passione si possono forse organizzare dei servizi e forse anche delle esperienze, ma nell’uno e nell’altro caso mancherà sempre quella cosa che chiamiamo autenticità.
Senza passione l’esperienza sarà bella ma non coinvolgente, interessante, ma non travolgente.
E non farà battere il cuore.
Senza passione si può gestire un albergo ma non un piccolo albergo di qualità. Tantomeno un albergo diffuso.
Senza passione si può gestire un museo, ma un piccolo museo senza passione non ha futuro.
Le informazioni di un ufficio turistico senza passione saranno come le pagine dei dépliant o le home page dei siti degli Enti Turistici, asettiche ed autereferenziali.
Senza passione le nostre gestioni, i nostri servizi, le nostre esperienze, il nostro modo di stare sul web sarà spuntato, sarà forse visibile, ma quale fiducia potrà generare e quale reputazione potrà derivarne?

Aggiornamento:
Per presentare questo post su Facebook ho scritto qualche riga che ora incollo di seguito:
Uno dei motivi per i quali storicamente le iniziative promozionali delle Istituzioni turistiche italiane hanno fatto fiasco, è stata la mancanza di passione. Avete presente le campagne milionarie di certe Regioni del nostro Paese, ripetute per anni ed anni, ma che non sono riuscite ad ampliare le stagioni turistiche neppure di un giorno o due? Avete presente le iniziative del Ministero, fatte per dire di averle fatte? e magari anche quelle del vostro Comune? C'erano le risorse (c'erano!) ma mancava la cosa più importante: la passione. E i risultati li conosciamo bene. Ma più o meno la stessa cosa accade nelle gestioni di tanti alberghi e ristoranti. Per non dire di quello che si fa sul web.

(continua)

4 commenti:

  1. Passione Interesse Empatia se non hai queste attitudini è meglio cambiare lavoro. Grazie Giancarlo

    RispondiElimina
  2. Beh questo è un vero "commento d'autore" che, naturalmente, sottoscrivo in pieno! Grazie

    RispondiElimina
  3. Bastasse cambiar lavoro!!!! Senza passione non si vive, si riposa....ma per l'eternità.

    Carlo Fabbri

    RispondiElimina
  4. La passione è un ingrediente fondamentale nel turismo. Insieme alla creatività e alla capacità di (ri)innovarsi può coinvolgere il viaggiatore in un 'esperienza autentica e indimenticabile.

    RispondiElimina

Archivio blog