martedì 18 luglio 2017

La vulgata e la triste realtà dell'antiturismo


Cronache di ordinario "antiturismo" (1)
I proprietari di case, secondo questo articolo, affittano ai turisti delle "case pollaio". Insomma, una barbarie. Ma di chi è la colpa? Dei proprietari di case furbi e poco corretti? No, dei turisti, del turismo "low cost", del "turismo di massa". 
La vulgata dell’antiturismo continua sulle grandi testate del giornalismo italiano. Nel tritacarne anche una ordinanza ineccepibile del Sindaco di Gallipoli contro gli approfittatori (che non sono i turisti).

Venezia, Firenze, Liguria e Gallipoli: l’estate delle proteste contro il turismo low cost
La stagione in corso rischia di essere ricordata come quella della rivolta contro i visitatori «mordi e fuggi»: spiagge chiuse, città a numero chiuso, misure contro il turismo low cost. Un fenomeno che riguarda tanto le spiagge quanto le città d’arte. E non solo l’Italia

articolo qui 

Cronache di ordinario "antiturismo" (2)
Aggiorno questo breve post.
Se avete seguito questo Blog e quanto accade sul versante "Antiturismo", non vi meraviglierete di leggere che "dalle parole si sta passando ai fatti". Siccome la colpa è sempre dei turisti - non dell'industria del turismo senza regia, tantomeno degli Enti Pubblici che hanno speso e continuano imperterriti a spendere milioni di euro in promozione, per invitare sempre più turisti e scatenare quello che succede - ecco che siamo arrivati all'assalto al bus dei turisti. Dall'antiturismo dunque, alle intimidazioni contro i turisti. E' il nuovo volto della turismofobia, una forma di razzismo contro i turisti.
articolo terribile qui 

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog